Black Sheep Raw | Black Sheep la pasticceria felice
278
post-template-default,single,single-post,postid-278,single-format-standard,cookies-not-set,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,columns-4,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

Black Sheep la pasticceria felice

Lanno scorso ho partecipato ad un bel corso di cucina vegana tenuto da Michele Granuzzo e sua sorella Sofia, che poco dopo hanno aperto la prima pasticceria vegana (e non solo) a Trento. Da tanto tempo desideravo fare quattro chiacchiere con lui e finalmente l’ho incontrato nel suo laboratorio. Michele ha 25 anni (da compiere) ed è appunto al comando di una attività che il 18 Giugno festeggerà un anno di apertura e nella quale ha coinvolto anche la sua famiglia. Vegano da quando aveva 16 anni per una scelta etica, mi racconta che ha iniziato a cucinare per “sopravvivenza” e via via si è appassionato alla cucina, alla pasticceria e all’alimentazione in generale che ha continuato a studiare da vari punti di vista. Nel suo laboratorio produce dolci vegani e crudisti che sono inoltre senza glutine e zuccheri aggiunti, realizzati con prodotti biologici di prima qualità.

Leggi l’articolo su livingwomen.net